Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

Il Nuovo Piano Strutturale Comunale

AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE

Il Comune di Santa Maria a Monte, con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 54 del 27.11.2019, esecutiva, ha dato avvio al procedimento di formazione del nuovo Piano Strutturale Comunale del Comune di Santa Maria a Monte ai sensi di quanto previsto dalla Legge Regionale 65/2014 "Norme per il governo del territorio" e successive modifiche ed integrazioni.

Il Comune di Santa Maria a Monte è attualmente dotato di due strumenti per la pianificazione urbanistica:

-       il Piano Strutturale approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 49 del 28.07.2014;

-       la Variante al Regolamento Urbanistico approvata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 09.01.2017, resasi necessaria per adeguare le previsioni urbanistiche ai contenuti statuari e strategici al suddetto Piano Strutturale. La formazione della Variante al RU è rientrata nella fattispecie di cui all’art. 222 della L.R. Toscana n. 65/2014 “Disposizioni transitorie generali”, che prevedeva la possibilità di adottare ed approvare varianti al Piano Strutturale ed al Regolamento Urbanistico nei cinque anni successivi all’entrata in vigore della legge, purché precedute o accompagnate dalla individuazione del territorio urbanizzato ai sensi dell’art. 224 della legge medesima. Inoltre all’art. 222 la Legge Regionale 65/2014 e ss.mm.ii. dispone l’obbligo di avviare entro cinque anni dall'entrata in vigore della legge, e quindi entro il 27.11.2019 l’avvio del procedimento per la formazione del nuovo Piano Strutturale.

Da qui la necessità di dare avvio al procedimento per la formazione del nuovo Piano Strutturale (PS) che si svolgerà in una logica di continuità rispetto ai principi e agli obiettivi del vigente Piano Strutturale, approvato nel 2014, i cui orientamenti di governo del territorio già prefiguravano ed anticipavano i capisaldi della nuova legge urbanistica regionale in materia di tutela del paesaggio ed attenzione al recupero ed alla valorizzazione degli insediamenti esistenti, ed al contenimento del consumo di suolo. Gli obiettivi generali e gli indirizzi strategici del P.S. vigente costituiscono pertanto presupposto di riferimento e punto di partenza per la redazione del nuovo Piano Strutturale.

COS’E’ IL PIANO STRUTTURALE E QUALI SONO I SUOI OBIETTIVI

Il Piano Strutturale è lo “strumento della pianificazione territoriale” di competenza comunale valido a tempo indeterminato, che si forma in piena coerenza con il Piano di Indirizzo territoriale (P.I.T.) della Regione, con il Piano Territoriale di Coordinamento (P.T.C.) della Provincia e con gli altri atti di governo del territorio, di competenza sovracomunale interessanti il territorio comunale. La redazione del nuovo Piano Strutturale costituisce anche un’occasione fondamentale per operare una riflessione complessiva sullo stato delle risorse del territorio e sulle dinamiche evolutive in essere e potenziali, coinvolgendo tutta la realtà territoriale al fine di un riequilibrio sociale, economico ed ambientale. A tal fine gli obiettivi del vigente PS devono essere integrati e attualizzati. Il nuovo Piano Strutturale di Santa Maria a Monte dovrà essere indirizzato verso azioni integrate di valorizzazione ambientale, paesaggistica, insediativa, socioeconomica e infrastrutturale, anche in riferimento ad ambiti territoriali più estesi dei limiti amministrativi. I lineamenti strategici del Piano, che potranno essere implementati e maggiormente articolati nel corso del suo processo di formazione, possono essere sintetizzati in alcuni obiettivi principali:

-       Sviluppare una visione di sistema in relazione alla continuità paesaggistica, infrastrutturale ed insediativa tra il territorio comunale di Santa Maria a Monte ed il contesto d’area.

-       Sviluppare il sistema delle relazioni di natura ambientale, ecologica, storica, culturale, sociale, rurale e produttiva al fine individuare strategie per la valorizzazione del patrimonio territoriale, nonché per la promozione sociale ed economica del territorio, con particolare attenzione ai temi della valorizzazione turistica.

-       Valorizzare il territorio rurale.

-       Valorizzare le qualità ambientali naturalistiche e paesaggistiche del territorio.

-       Promuovere la qualità insediativa e l’integrazione del tessuto nel contesto paesaggistico.

-       Potenziare la rete dei percorsi ciclo-pedonali in ambito urbano, territoriale, fluviale.

-       Valorizzare il ruolo dei centri storici comprese le emergenze di carattere archeologico-storico-architettonico.

-       Riqualificare il tessuto di recente formazione.

-       Individuare strategie di riqualificazione, valorizzazione e sviluppo del polo produttivo di Ponticelli, al fine di rivitalizzare il comparto produttivo.

-       Promuovere modalità sostenibili di mobilità ed accessibilità, con particolare riferimento alla rete di mobilità dolce, che dovrà essere sviluppata in stretta connessione con il sistema dei servizi a scala urbana (la scuola, gli impianti sportivi, le attrezzature culturali, ecc.).

-       Promuovere la sicurezza del territorio attraverso opportune strategie di prevenzione e mitigazione del rischio idraulico nel territorio di pianura, nonché di difesa idrogeologica del territorio collinare.

-       Partecipazione pubblica alle scelte urbanistiche attivando un percorso che coinvolga la comunità su temi e gli aspetti di interesse generale inerenti scelte di tipo urbanistico, ambientale, sociale, economico, etc.

LE FASI DEL PROCEDIMENTO: ADOZIONE E APPROVAZIONE

Due sono le fasi principali del procedimento di redazione del PS: l’adozione e l’approvazione.

Entrambe avvengono con Deliberazione del Consiglio Comunale. Al momento dell'adozione entrano in vigore le norme e misure di salvaguardia. Successivamente all'adozione, tutti i cittadini, o chiunque abbia interesse, possono presentare osservazioni ai documenti adottati nel termine dei 60 giorni previsti dalla legge a partire dalla data di pubblicazione sul BURT (Bollettino Ufficiale della Regione Toscana) dell'avvenuta adozione. Tutto il procedimento si conclude con l’approvazione del Piano strutturale aggiornato, ed eventualmente modificato a seguito dell'accoglimento di osservazioni e pareri dei cittadini, attraverso un’apposita Delibera il Consiglio Comunale. Per l'effettiva entrata in vigore si dovrà attendere 30 giorni dalla pubblicazione dell'avviso di approvazione sul Bollettino Ufficiale Regione Toscana (BURT).

Il Responsabile del procedimento è il Responsabile del Settore 3 Dott. Paolo Di Carlo.

LA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI ALLA FORMAZIONE DEL PIANO STRUTTURALE

L'informazione e la partecipazione dei cittadini al processo di redazione del PS costituisce un obiettivo al pari di tutti gli altri caratterizzanti il procedimento urbanistico in atto. L’Amministrazione comunale intende valorizzare il punto di vista dei cittadini quali portatori di interessi pubblici diffusi, partendo dal presupposto che chi abita il territorio ne conosce le potenzialità, le mancanze e le risorse.  A questo scopo esiste la figura del Garante dell’informazione e della partecipazione che ha il compito appunto di assicurare l’informazione e facilitare la partecipazione dei cittadini, singoli o associati, e di tutti i soggetti interessati, pubblici o privati, nelle diverse fasi della pianificazione. Proprio con queste finalità sono previsti sia da ora una serie di incontri con la cittadinanza sul territorio comunale come di seguito riportato:

28 Novembre 2019 alle ore 21:15 presso la Scuola Materna di San Donato

29 Novembre 2019 alle ore 21:15 presso la Scuola Materna di Montecalvoli

02 Dicembre  2019 alle ore 21:15 presso il Circolo Arci Cinque Case

05 Dicembre  2019 alle ore 21:15 presso il Bar Mariotti Fontine

Ciascun cittadino può rivolgersi al Garante per chiedere informazioni in merito alle procedure, alla consultazione degli elaborati per poi poter esprimere l’eventuale proposta sulla scrittura delle nuove regole per la pianificazione territoriale di Santa Maria a Monte.

Il Garante dell’informazione e della partecipazione è l’Arch. Patrizia Lombardi, che è possibile contattare attraverso i seguenti recapiti:

Tel: 0587- 261602

Email: garante@comune.santamariaamonte.pi.it

Pec: comune.santamariaamonte@postacert.toscana.it

Per la pagina del Garante dell'Informazione e della Partecipazione, Clicca Qui

Documenti Allegati alla Delibera di Approvazione dell'avvio del Procedimento per la formazione del Nuovo Piano Strutturale Comunale:

- Documento d'avvio del Procedimento

- Tavola d'individuazione del Territorio Urbanizzato

- Documento preliminare VAS

- Programma Partecipazione Garante

Si informa la cittadinanza che sono previsti  due nuovi incontri pubblici e più precisamente:

10 Dicembre  2019 alle ore 21:15 presso la Scuola Elementare di Ponticelli

13 Dicembre  2019 alle ore 21:15 presso il Bar Bellavista  a San Sebastiano